News

Rigenerazione urbana e territoriale in Lombardia

rigenerazione urbana: esempio di edifici green - teknoprogettisrl

Il 26 novembre 2019, è stata approvata una nuova legge sulla rigenerazione urbana e territoriale in Lombardia.

Grazie ad essa, gli interventi di rigenerazione urbana e territoriale nelle aree dismesse saranno facilitati e più convenienti.

La Legge 12/2005 viene perciò modificata in ottica del completamento della strategia regionale per la riduzione del consumo di suolo.

Rigenerazione urbana e territoriale: la nuova legge in Lombardia

La legge stabilisce incentivi come la riduzione degli oneri di urbanizzazione fino al 60% o come i Bonus per l’incremento delle volumetrie fino al 20% che agevolano gli interventi di rigenerazione urbana e recupero del patrimonio edilizio.

Tali agevolazioni sono subordinate al miglioramento degli edifici da tutti i punti di vista, compresi quello energetico e di sicurezza.
La legge introduce, inoltre, semplificazioni nelle procedure che rendono più veloci i processi per individuare, ad esempio, gli ambiti di rigenerazione, gli immobili dismessi.

È prevista, inoltre, l’istituzione di un fondo per finanziare interventi di rigenerazione, studi di fattibilità e strumenti finanziari innovativi per il partenariato pubblico-privato.

L’obiettivo degli interventi sarà quello di  risanare singole case o porzioni di quartieri con ricadute positive su abitabilità e attrattività dei centri urbani. 

La Legge di rigenerazione urbana e territoriale in Lombardia incoraggia la trasformazione delle aree con nuovi spazi verdi, servizi e infrastrutture.

I progetti dovranno rientrare nelle previsioni dei piani territoriali, rispettando la già operante legge sul consumo del suolo.

I Comuni si occuperanno di creare un ‘censimento’ annuale degli immobili abbandonati o dismessi.

La Regione Lombardia coordinerà le operazioni

Ruolo della regione Lombardia sarà quello di coordinare le operazioni delegando ai Comuni il compito di dare l’avvio all’iniziativa anche su segnalazione dei privati che dovranno segnalare situazioni di particolare criticità (edifici fatiscenti e disabitati da almeno 5 anni).

I privati che non dovessero procedere con il progetto di rigenerazione approvato che possa risolvere problemi di sicurezza o degrado andranno incontro a sanzioni penali o, nei casi più gravi, all’esproprio.

La Legge ha, inoltre, lo scopo di ridurre la burocrazia e garantire i tempi di realizzazione degli interventi.

La legge finanziaria stanzierà inizialmente la cifra di 2 milioni di euro per promuovere i censimenti da parte dei Comuni.

Poi si continuerà con piani annuali cui concorreranno anche risorse statali e regionali.

La valorizzazione del Patrimonio

Secondo la regione Lombardia e l’Assessore al territorio e protezione civile Pietro Foroni, questa Legge avrà un effetto dirompente ed immediato sullo sviluppo urbanistico.

Grazie a questa legge, recuperare l’esistente diventerà più vantaggioso che costruire ex novo. 

Il Bonus volumetrico del 20% sul costruito sarà legato alla qualità dell’intervento, in base ai criteri stabiliti da delibere della Giunta regionale.


TeknoProgetti segue tutti gli aspetti tecnici legati alle valutazioni e agli interventi.

Per informazioni senza impegno, richieste e preventivi, ti invitiamo a contattare la nostra sede:

Tel: 039.2142447

Mail: info@teknoprogettisrl.it

Newsletter

Consenso per la finalità di: Invio di materiale informativo e/o pubblicitario anche mediante telefono o internet. La mancata accettazione non consentirà al titolare di operare il trattamento dei suoi dati al fine di inviarle materiale informativo.

Acconsento

* Tutti i campi sono obbligatori